ERNST REIJSEGER

Concerto Cello solo - Ensemble - Workshop

Ernst Reijseger, violoncellista, compositore e performer, è una delle figure più importanti della scena musicale contemporanea, egli canta attraverso il suo violoncello, lo strumento diviene parte del suo corpo,  dando vita a opere piene di alta musicalità, bellezza, pura eleganza e sensibilità.  Costantemente spinto alla ricerca di nuovi linguaggi ed espressioni, Reijseger ha collaborato con innumerevoli grandi artisti, tra i quali: Yo Yo Ma, Nana Vasconcelos, Giovanni Sollima, Han Bennink, Trilok Gurtu, Uri Caine e altri ancora. Di grande importanza ed assoluto valore artistico, la sua decennale collaborazione con il celebre regista tedesco Werner Herzog. Reijseger ha composto per il regista di “Fitzcarraldo” le colonne sonore di numerosi film. Tra i due vi è un vero sodalizio artistico e una solida stima reciproca. Herzog ha recentemente commentato: “Ernst è un magnifico violoncellista e può fare qualsiasi cosa con il suo strumento”. Da oltre 30 anni, Ernst Reijseger continua a suonare con moltissimi celebri musicisti e in diverse ed eccitanti combinazioni, ma riesce anche a trovare il tempo per insegnare il violoncello ai bambini ed esibirsi in concerti da solista.

Olandese, classe 1954, ha cominciato a suonare lo strumento quando aveva appena otto anni, stimolato da subito dalla sorprendete varietà di forme che l’arte di combinare suoni può assumere. Studia al conservatorio di Amsterdam finché (nel 1974) uno dei suoi maestri, il famoso violoncellista Anner Bijlsma, gli consiglia di interrompere gli studi, spingendolo così a seguire la propria strada. Una strada che in realtà Ernst Reijseger aveva già imboccato: fin dai primi anni Settanta lo troviamo infatti impegnato con la musica improvvisata. Sean Bergin, Martin van Duynhoven, Derek Bailey, Michael Moore, Alan Purves, Franky Douglas, il Theo Loevendie Consort, il Guus Janssen Septet, l’Amsterdam String Trio, la ICP orchestra di Misha Mengelberg, il quintetto di Gerry Hemingway, il Trio Clusone (con Michael Moore e Han Bennink), Louis Sclavis, Trilok Gurtu, Franco D’Andrea, l’Amsterdam String Trio: l’elenco di nomi rende l’idea della varietà di esperienze di Ernst Reijseger nel suo inteso percorso artistico.
Unendo ad una grande maestria un uso non convenzionale dello strumento, aggiunge una dose di humor e teatralità alla sua musica: sono caratteristiche che si colgono al meglio nelle esibizioni solistiche di Reijseger. Ma il suo rapporto aperto con la musica, con tutta la musica, gli permette di calarsi perfettamente nei contesti più differenti pur mantenendo sempre riconoscibile la propria cifra stilistica.

In occasione del suo 60° compleanno Ernst Reijseger torna con un nuovo album e concerto live in cui si esibisce da solo, con il suo violoncello e voce.
Il suo nuovo album “Crystal Palace” nasce dall’incontro con il pittore americano Jerry Zeniuk, durante una sua mostra alla galleria Glaspalast di Augsburg in Germania, in questa occasione  Ernst Reijseger ha composto ispirandosi al grande quadro (5x5m) che Zeniuk dipingeva per l’occasione, mentre il pittore americano ha dipinto le sue immagini, le forme e colori sotto l’influenza della musica di Reijseger.

Il concerto “Crystal Palace” può svolgersi in due modi:
Un concerto cello solo
Una video installazione in cui Reijseger crea dal vivo la colonna sonora del film “Botanic Garden” di Joost Guntenaar.

In questo video le fasi del lavoro di Zeniuk sono state meticolosamente fotografate in uno speciale movimento veloce di alta qualità (Time Lapse), minuto per minuto, ora per ora, giorno per giorno e trasformati in un’opera cinematografica.
Jerry Zeniuks con i colori compone musica , le improvvisazioni sonore di Reijseger creano immagini , Joost Guntenaars, videoarte che trascende i confini del tempo. Un interessante esperimento. Un’esperienza acustica e visiva: Visioni di suoni !