HAROLD LOPEZ NUSSA

Harold, nato a Cuba da una famiglia di musicisti è un giovane pianista di estremamente dotato e dal grande avvenire.
Infatti, con le sue radici sia in Cuba e in Europa, questo emozionante giovane pianista mostra una maturità impressionante, che a soli 30 anni di età che senza dubbio gli garantirà un posto tra i grandi.
Nato nel 1983 a L’Avana, dopo seri studi classici presso il Conservatorio Amadeo Roldan e presso l’Instituto Superior de Arte, il pianista ha fatto tirocinio nelle big band di celebri cantanti, sviluppando il proprio stile ascoltando i monumenti del jazz e musica classica, ma anche della musica tradizionale e popolare della sua isola. A 23 anni, il prodotto puro della scuola cubana registra un ambizioso primo album da solista e, dopo una sua performance al Montreux Jazz Festival nel 2005, vince il premio “Solo Piano Competition”. Da qui tutto è partito, il giovane virtuoso si è esibito in Europa e dal 2008 accompagna la divina Omara Portuondo sui palcoscenici di tutto il mondo, mentre sviluppa il progetto del proprio trio con il bassista Felipe Cabrera e fratello minore Ruy Adrian López-Nussa alla batteria.
Con questo gruppo, Harold López-Nussa registra per l’etichetta World Village, nel marzo 2009 l’album “Herencia”, con cui si rivela alla critica e al pubblico internazionale. Inoltre, l’esperto Chucho Valdés non sbaglia: “Questo giovane pianista è l’avanguardia di una nuova generazione di musicisti, e questo album denota talento e la personalità. Ha un suono sottile, idee brillanti e uno stile musicale unico.” L’album successivo “El Pais De Las Maravillas”, è l’occasione per aprire il vaso di Pandora della sua immaginazione. Debussy incontra Tata Guines! Al suo fianco, oltre alla coppia ritmica, ha invitato il sassofonista portoricano David Sanchez. Vi si ascolta un suono contemporaneo che non dimentica mai le linee ritmiche di base Tumbao. Senza radici, un albero non può prosperare.
Il suo ultimo album “New Day”, rappresenta chiaramente una definitiva maturazione artistica; l’astro nascente affina il suo stile e aggiunge colore alla sua tavolozza artistica vedi l’utilizzo della tastiera Fender Rhodes), il tutto unito ad un crescente fascino presso il  suo pubblico sempre numeroso in tutto il mondo.
Il jazz energico di Harold López-Nussa, è un mix erudito di inebrianti melodie e ritmi, deve tanto alla scuola pianistica cubana, ma anche all’influenza di tali grandi jazzisti come Keith Jarrett e Wayne Shorter, così come compositori classici Ravel e Villa-Lobos.

Formazione
Harold Lopez Nussa – piano, fender
Ruy Adrian Lopez Nussa – batteria, percussioni
Mayquel Gonzalez – tromba
Felipe Cabrera – contrabbasso